Bonus Inps 2018 per le mamme: a chi spetta, come richiederli

Le mamme in attesa o che decidono di adottare un bimbo, oltre al bonus Mamma Domani, se non superano una certa soglia Isee possono richiedere all’Inps ulteriori prestazioni. Sia che siano lavoratrici o precarie, sia che siano disoccupate: ecco gli importi e i limiti Isee per il 2018

bonus inps 2018

Bonus Inps per le donne lavoratrici o precarie

Il bonus Inps viene corrisposto da chi fa domanda dal primo gennaio al 31 dicembre 2018; ammonta a 338,89 euro per 5 mesi, per un totale complessivo di 1.713 euro. Possono richiederlo tutte le neo mamme, cittadine italiane o residenti in Italia con regolare permesso di soggiorno. La richiesta va presentata entro e non oltre i 6 mesi dalla nascita o adozione del bambino.

Per poter richiedere tale prestazione la madre deve:
  • aver versato all’Inps i contributi per almeno 3 mesi nei 9 mesi antecedenti la gravidanza.
  • In caso di licenziamento della stessa o di dimissioni volontarie nei 18 mesi antecedenti la gravidanza.
Stessa cosa vale per il padre se vedovo o per abbandono da parte della donna del tetto coniugale o per affidamento esclusivo del minore. Per l’anno 2018 tale beneficio può essere richiesto se l’importo Isee non supera i 17.142,46 euro. Per richiedere l’assegno di maternità Inps 2018 basta rivolgersi a un caf. 

Bonus Inps casalinghe e disoccupate 2018

 

bonus inps 2018

Tale bonus Inps viene erogato dal Comune di appartenenza della mamma che lo richiede, sempre entro e non oltre i 6 mesi della nascita del proprio bambino o del suo arrivo in caso di adozione. L’importo è identico a quello per le mamme lavoratrici, ovvero ammonta 338,89 euro per 5 mesi, per un totale complessivo di 1.713 euro.

Anche in questo caso, per il 2018, non bisogna avere un Isee superiore a 17.142,46 euro. Questo Bonus Inps lo possono richiedere tutte le mamme casalinghe o che non hanno lavorato negli ultimi 18 mesi, italiane, comunitarie o extracomunitarie in possesso di regolare permesso di soggiorno. La domanda per il contributo Inps di maternità 2018 per le donne disoccupate si deve presentare presso il Comune di residenza tramite Patronato.

5.155 views   metti per prima un cuoricino all'articolo!
Ti è piaciuto? Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.