Nizza, ancora e ancora… dopo trent’anni le stesse emozioni

Siamo viaggiatori compulsivi, non esitiamo a volare anche per ore e ore con la più piccola della famiglia, non abbiamo paura del caldo, del freddo o delle scomodità. Abbiamo esplorato moltissimi paesi e città dalla Danimarca al Marocco ma anche noi abbiamo mette predilette, quelle in cui ci dirigiamo per defaticare, far scivolare via i pensieri e sentici a casa, puntualmente, ogni anno…   

Nizza. E’ qui che torniamo ogni anno in questo periodo, a metà tra i primi turisti e l’affollamento che arriverà nei prossimi mesi. Qui ci sentiamo a casa perché profumi e parole ci tengono in equilibrio tra presente, passato e futuro. Veniamo qui fin da quando siamo piccolissimi perché Nizza per un’intera generazione -quella dei nostri genitori- è stata una meta frequentata molto assiduamente. Partire mi riporta indietro nel tempo a quando ero bambina, alle nostre partenze nel mezzo della notte a fine lavoro per arrivare a destinazione solo alle prime luci dell’alba. Il cielo dorato che si riflette sul mare, le colazioni con baguette burro e marmellata, la socca servita per calda e croccante per strada, l’odore del pane che si cuoce e che nella notte si diffonde ovunque, avvolgendo l’intera città…

Nizza è cambiata parecchio da quando, trent’anni fa, ero bambina. Oggi io sono il genitore, non partiamo la notte ma la mattina, ma le emozioni sono le stesse. La partenza, come allora, è carica di attesa perché sappiamo bene che quando saremo lì ci sentiremo bene.
E’ l’unico modo in cui so descrivervelo: bene.

Nizza regala storia, ma anche contemporaneità; caos, negozi, shopping ma anche pace e silenzio e la quotidianità nizzarda si fonde alla perfezione con l’arrivo dei turisti e scorre, leggera, come nulla fosse. Se ci andate da turisti il mio consiglio è di alloggiare con Airbnb che offre un’ampissima scelta e quindi trovate prezzi più contenuti rispetto agli hotel, oltre alla comodità di un intero appartamento a vostra disposizione. I quartieri più comodi in cui alloggiare sono ovviamente il centralissimo Medecin, ma anche i limitrofi: Le Port, Carabacel e Medecin. Scegliete i primi due se preferite restare nei pressi del porto turistico e del vecchio centro, gli altri due se invece prediligete le vie dello shopping proprio a portata di mano.

nizza

Qualche consiglio su dove mangiare, visto che Nizza è piena di ristoranti molto turistici e si potrebbe essere un po’ spaesati? 

La socca è tipica di Nizza ma bisogna sapere dove andare a mangiarla, io vi consiglio un locale non frequentato dai turisti, nel quartiere di Le Port. La Socca d’Or si trova al 45 di Rue Bonaparte e mi ricorda proprio la socca che mangiavo da bambina, trent’anni fa. Per la cronaca anche la pizza è ottima e i prezzi sono modici.

Non si può andare a Nizza senza essere ammaliati dalle vetrine delle Boulangerie. Pane e dolci sono strepitosi ma attenzione perché, aimè, ormai moltissimi sfornano pane congelato e precotto quindi se volete volete trovarne una artigianale andate a naso. Sì, proprio a naso! Se passeggiate per le vie della città a tarda notte saranno i profumi a condurvi in quelle che ancora sono artigianali, ed il nostro naso ci ha condotto, senza sbagliare, alla Boulangerie Lagache, in 20 Rue Arson. Prendete una tortina crema e fragole e proseguite la vostra passeggiata.

Il nostro posto preferito per una cenetta romantica? La Maison de Marie! Nella via pedonale centrale di Nizza, Rue Massena, si alloca lontano dagli sguardi in un interni cortile dallo scenario piuttosto suggestivo. Fois gras e fragole fresche è il nostro piatto preferito e ormai siamo clienti abituali.

Ultimo, ma non per importanza, un posticino piuttosto particolare che abbiamo scovato lo scorso anno. Se vi piace la cucina cinese (cinese veramente) questo è il posto giusto per voi. Non è un locale elegante, anzi, ha solo quattro tavolini e quattro piatti tra cui scegliere, ma il palato vi ringrazierà. Qui mangerete ottimo cibo cinese spendendo circa 15 € a testa!

nizza

1.739 views
 

 

 

 

  metti per prima un cuoricino all'articolo!
Ti è piaciuto? Condividi!

Un commento

  1. Singing worship songs is sweet however that?s not the one option to worship.?
    Daddy said, maybe to make Larry cease singing. ?There are
    many ways to worship.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.