Figli autonomi: insegnare a cavarsela da soli

Ci sono genitori che spingono i bambini i piscina per insegnar loro a nuotare; altri che, seppur altrettanto armati di buone intenzioni, prendono in mano la situazione facendo le cose al posto dei loro figli.

Ci sono tanti tipi di genitori, ma credo che tutti aspirino a formare figli autonomi e che abbiano stima di loro stessi. Poi ci sono tanti modi di provare a farlo…

Spesso come genitori si dimentica l’importanza di lasciare ai figli l’opportunità di mettersi in gioco.

Ai bambini, fin da piccoli, bisogna concedere possibilità importanti come sbagliare, cadere, commettere un errore, errare, prendere una cantonata…

 

Da tutte queste cose (che agli occhi delle mamme sembrano spesso molto più gravi di quello che in effetti sono) nascondono grandi insegnamenti. Da qui nascono la capacità di rialzarsi in piedi, la capacità di assumersi la responsabilità dei propri fallimenti oltre che delle proprie conquiste.

 
Non sto dicendo di abbandonarli ma di cercare di fornire gli strumenti per autodefinirsi. Creando, da soli, quella che sarà la loro strada. Perchè la verità è che, anche se ripetiamo spesso ai nostri amatissimi bambini che “mamma è qui con te, non ti preoccupare”, mamma non sarà sempre qui con te

 

Ad Elena Maria cerco di dare sempre delle scelte.

figli autonomi

Elena Maria mangia e beve in completa autonomia, da qualche tempo anche senza fare disastri 🙂

L’altro giorno per esempio siamo andate a comprare un nuovo biberon per l’acqua. Io l’avrei preso rosa, lei naturalmente lo voleva blu. Certo, le scelte devono essere scelte all’età.  

Per me e il suo papà diventa spesso anche un modo di coinvolgerla nelle attività quotidiane più semplici, un gioco. Insieme per esempio, scegliamo il formato della pasta al supermercato (lei adora le penne rigate); o il “colore” del Fruttolo prima di mangiarlo (rosa, alla fragola, è il suo preferito). Piccole scelte banali… come i colore di una t-shirt! Anche le azioni quotidiane vengono svolte affidandole compiti di volta in volta: mettersi da sola la crema per il viso, lavarsi da sola, mangiare e bere senza aiuti. Ogni tanto si sbrodola un po’, una volta ha spremuto un intero tubetto di crema sul letto, capita. Ma solo sbagliando può imparare. Solo insegnandole a prendersi cura di sè, imparerà a prendersi cura degli altri.
figli autonomi

Durante una (troppo) breve pausa sul lavoro ci diamo una rinfrescata…

figli autonomi

Elena Maria ovviamente, vuole fare da sola… 

figli autonomi

Elena Maria impara a prendersi cura di sè: prima della nanna un velo di crema sul viso!

figli autonomi

Anche con papà Elena Maria impara a prendersi cura di sè! Il momento del bagnetto è tutto padre/figlia!

Così, insegneremo loro che ogni opinione è importante e viene seriamente presa in considerazione; anche quando sono delle idee un po’ strampalate :). Insegneremo loro a pretendere rispetto per se stessi, che è alla base del rispetto per gli altri. Insegneremo loro a far pace con le proprie debolezze, le proprie paure e i propri limiti. E a trasformarli in grandi possibilità.

 

4 cuoricini all'articolo
Ti è piaciuto? Condividi!

Commenti chiusi